Legge elettorale, perché il Partito democratico può spuntarla

 

Il Partito democratico, favorito alle prossime elezioni insieme al Movimento cinque stelle, ha reagito duramente al tentativo delle altre forze politiche (con la sola eccezione dell’Italia dei valori) di emendare la legge elettorale, abolendo il premio di maggioranza per il primo partito.

Battaglia contro i mulini a vento, visto che il PD è ancora minoranza sia alla Camera che al Senato ?

No, perché i Regolamenti parlamentari consentono anche a un singolo partito di insabbiare una proposta di legge, seppellendola sotto una montagna di emendamenti.

A quel punto, la situazione può sbloccarla solo il Governo, ponendo la questione di fiducia. Ma difficilmente il Governo tecnico interferirà con la riforma della legge elettorale.

Il PD otterrà dunque probabilmente che venga mantenuto un premio di maggioranza del dieci per cento. Si tratta di un premio più basso di quello attuale, ma questo fa gioco anche al PD, che non vuole correre rischi troppo alti nell’eventualità di un Cinque stelle primo partito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...