Caso Middleton, libertà di stampa o leggi disapplicate ?

Un’altra copertina scandalistica sulla Duchessa di Cambridge.

Il caso delle foto in topless della Duchessa di Cambridge pubblicate da una rivista scandalistica francese è troppo noto perché serva riepilogarlo.

Sarebbe inutile anche commentarlo, è stato fatto abbondantemente in tutte le sedi. Particolarmente in Gran Bretagna, dove si sono scomodati la Casa Reale, il Governo e perfino l’ex primo ministro Sir John Major.

Tuttavia, il caso suggerisce alcuni rilievi sul regime giuridico della stampa in Occidente.

Pur nella varietà delle regolamentazioni nazionali, esiste in genere un punto fermo. La stampa ha il diritto di pubblicare tutto ciò che è nel pubblico interesse. Quando si esce dal perimetro del pubblico interesse, si commette una violazione della reputazione, dell’onore o quantomeno della riservatezza.

In questo quadro giuridico, è parecchio traballante la liceità di gran parte di quanto viene pubblicato dalla stampa scandalistica. Ammettiamo pure che sia nel pubblico interesse sapere che lo sportivo Tizio o l’attrice Caia, a Ferragosto, si trovava a Saint Tropez. Ma l’informazione non sarebbe già completa così, senza bisogno di corredarla di un intero servizio fotografico ?

Inutile negarlo, una parte consistente della stampa scandalistica si muove ai confini del perimetro legale, e in alcuni casi ben oltre. Molto probabilmente, proprio il caso Middleton lo dimostrerà, dato che la Casa Reale ha sguinzagliato i suoi avvocati.

Ma allora, come è possibile che esista una prassi consolidata e pubblica di condotta contraria alla legge ?

E’ possibile perché in molti casi le Autorità pubbliche non si muovono da sole, e le parti lese non lo fanno.

In alcuni casi, non hanno alcun interesse a farlo, perché cercano esse stesse pubblicità ed esposizione mediatica.

Ma anche quando questo interesse ci sarebbe, esistono problemi pratici quasi insormontabili. Come si può far causa a ogni singola testata, a ogni singola casa editrice, a ogni singolo paparazzo free-lance ? In Stati diversi ? E per di più, senza conseguire alcun risultato utile, visto che le foto rubate resteranno su Internet per l’eternità ?

E’ un esempio inquietante di come il diritto possa abdicare facilmente alla sua presunta sovranità.

Annunci

Un pensiero su “Caso Middleton, libertà di stampa o leggi disapplicate ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...