Il mito delle fabbriche affamate di giovani lavoratori

E’ un leitmotif che si sente ripetere spesso: i giovani, disoccupati per colpa delle loro lauree, dovrebbero riscoprire i lavori manuali. Le fabbriche cercano operai, e sono costrette ad assumere – orrore ! – extracomunitari.

I dati della CGIL, organizzazione esente da snobismo nei confronti del lavoro manuale, raccontano una storia diversa. La storia di oltre mezzo milione di lavoratori in cassa integrazione. Non sono inclusi nel numero, ovviamente, quei lavoratori che, pur disoccupati, alla cassa integrazione non hanno diritto, ad esempio perché la loro (ex) azienda è troppo piccola.

D’altronde, ad argomentarlo fino a pochi anni fa erano gli stessi soloni dell’economia, prima di convertirsi al mito marxista del lavoro operaio: il settore industrial-produttivo non ha futuro nei Paesi avanzati azzoppati da un costo del lavoro troppo alto, l’unica speranza è il terziario.

Perché allora un perito tecnico è più facile trovare lavoro che per un laureato in materie umanistiche ?

Due ragioni.

La prima è che la materie umanistiche, come sono insegnate oggi, di umanistico non hanno più nulla: non hanno, cioè, un minimo collegamento con l’uomo e la società umana. Naturale perciò che chi ha questa formazione pseudo-umanistica, nel momento in cui bussa alla porta della società per chiedere un lavoro, venga respinto con una certa dose di gusto e di ribrezzo.

La seconda è che siamo in crisi nera, per cui le aziende si disfano di tutti i reparti non strettamente necessari per restare in piedi. Sopravvivono dunque la catena di montaggio o il reparto produzione e la componente amministrativa basica, composta da un paio di ragionieri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...