Alcune domande al ministro Passera sui fuoricorso

Ecc.mo ministro Passera:

1) posto che sembra esserci parecchio da lavorare sul fronte dello sviluppo economico, perché si occupa di questioni di competenza del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ?

2) è consapevole che gli studenti fuoricorso pagano già rette maggiorate ?

3) la Sua proposta contempla una distinzione fra studenti lavoratori e non lavoratori ? contempla il caso di ritardi negli studi dovuti a infermità, malattia o altre cause di forza maggiore ?

4) è consapevole che, espellendo i fuoricorso, le già magre risorse degli Atenei diminuirebbero ?

5) se c’è un problema di selettività, non è più logico affrontarlo a monte introducendo il numero chiuso ?

6) posto che l’attuale legislazione universitaria riconosce come, al di là del valore legale del titolo di studio, esistano Atenei migliori e peggiori (e dunque, presumibilmente, più o meno selettivi), la Sua proposta contempla un regime differenziato a seconda dell’Ateneo ? se sì, non sarebbe più opportuno differenziare ulteriormente il regime a seconda della Scuola d’Ateneo e del corso di laurea ?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...