Portogallo: una Repubblica democratica fondata sulla crisi economica

Se in Europa vi è uno Stato fondato sulla crisi economica questo è il Portogallo. Il Paese lusitano dall’ottocento a oggi  ne ha avuta una ogni secolo.

Il 7 maggio 1891 il Regno del Portogallo dichiarò bancarotta e il valore della moneta nazionale crollò del 10%. Lo Stato perse sovranità e fu messo sotto controllo da Francia, Germania e Regno Unito che ne erano i principali creditori. In Parlamento si arrivò a proporre la vendita delle colonie. Assieme ai problemi economici si aggravarono anche quelli politici con instabilità governativa, svolte autoritarie e rivolte repubblicane.

Il 6 ottobre 1910 viene proclamata la Repubblica, ma l’instabilità prosegue con rivolte e colpi di Stato. Il caos non è solo nell’economia ma anche nelle finanze. Nel 1926 il generale Antonio Oscar Carmona, presidente della Repubblica del regime militare; chiama al ministero delle Finanze l’economista ultraconservatore Antonio de Oliveira Salazar che rinuncerà all’incarico dopo tredici giorni non trovando le condizioni politiche per lavorare. Nel 1928 Salazar viene richiamato a gestire l’economia che risana con misure draconiane riuscendo perfino a portare il bilancio in pareggio obiettivo fallito da oltre un secolo.  Nel ’32 divine presidente del Consiglio e fonda l’Estado Novo un regime a partito unico di tipo fascista e clericale.

Il Paese resta neutrale nella seconda guerra mondiale e, pur entrando nella Nato per il forte anticomunismo di Salazar, mantiene una politica isolazionista anche per quanto riguarda l’economia e buona parte delle entrate dello Stato vengono spese per combattere i movimenti indipendentisti delle colonie.  L’Estado Novo finisce il 25 aprile 1974 con la Rivoluzione dei Garofani che dopo un periodo turbolento porta il Paese alla democrazia di tipo occidentale. Il Portogallo entra nella CEE (poi UE) e prospera relativamente fino all’attuale crisi che impone misure draconiane. Da notare che lì non è stato mai varato un governo tecnico forse per il timore del fantasma di Salazar.Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...