David Cameron ovvero Mr Week End

Giorni fa abbiamo scherzato, sul neopresidente francese Hollande campione del socialismo europeo https://italianspread.wordpress.com/2012/05/31/fantozzi-alleliseo-3/ , oggi per la par condicio lo faremo su Mr Week End o meglio David Cameron primo ministro conservatore di Sua Maestà Britannica.

In questi giorni nel Regno Unito  sono in corso la parte più importante delle cerimonie per il sessantesimo anniversario dell’incoronazione di Elisabeth II. Il governo  Cameron ha concesso per oggi e domani due giorni di Bank Holliday (così si chiamano oltremanica le feste nazionali) come aveva fatto l’anno scorso il giorno del matrimonio del principe William.

Fin qui nulla di strano, è normale in una monarchia festeggiare in questo modo le più importanti ricorrenze della Casa Reale, ma Cameron è famoso anche per i suoi week end low cost all’estero: voli Rayan Air o Easy Jeat e pernottamento in modesti alberghi. Molti ricordano la scena che si è svolta a Montevaschi in Toscana l’anno scorso immortalata dai paparazzi :Cameron entra in un bar ordina due caffè  e chiede il sevizio al tavolo per sé e la moglie, il locale è pieno e la barista non lo riconosce e lo costringe a servirsi da solo.

Secondo, molti osservatori, tra cui Antonio Caprarica, questa è principalmente una scelta di marketing per compiacere la parte più populista dell’elettorato e fargli dimenticare le sue origini aristocratiche  (è discendente di un figlio illegittimo di un Re) di cui abbiamo ampliamente parlato https://italianspread.wordpress.com/2012/05/08/nobili-e-politica/.

Il problema è che Cameron rischia di essere ricordato più per i suoi week end che per la sua politica.

A livello di Unione Europea il primo ministro si comporta da frenatore opponendosi alla Tobin Tax (per compiacere la City) ed a ogni altro tentativo di aumento delle competenze comunitarie, ma non lavora ad un progetto europeo sovranista (l’Europa delle Patrie, per dirla alla De Gaulle). Cameron si limita semplicemente a tenere il Regno Unito fuori dalle conseguenze degli accordi il più possibile. Uno splendido isolamento, come da tradizione Tory, che rischia di mettere la Gran Bretagna ai margini.

A livello di politica estera vera e propria prosegue la pedissequamente il sistema della relazione speciale con gli Stati Uniti, seguita da tutti i governi britannici dalla seconda guerra mondiale in poi, senza innovazioni di rilievo. E’ vero che è stato un’entusiasta sponsor della guerra di Libia, ma è apparso più che altro un comprimario rispetto a Sarkozy.

In politica interna ha aperto al matrimonio gay, ma nel discorso della Corona del 2012 (l’intervento annuale in parlamento in cui la Regina legge il programma legislativo del governo  per l’anno in corso) non vi è traccia dell’argomento. Forse una marcia in dietro? Nel discorso vi era invece il progetto di rendere elettiva parte della Camera dei Lord, ma questa sembra più che altro il recepimento di un’idea degli alleati di governo liberaldemocratici (ago della bilancia in parlamento, ma non molto popolari nel Paese).

Tagli e tasse, (sacrifici imposti dalla crisi come si affannano a dire i governati) hanno reso il governo impopolare e va notato che Cameron non ha nemmeno riportato un grande successo elettorale nel 2010, quando caso anomalo nella storia delle elezioni britanniche nesun partito ha riportato la maggioranza assoluta alla Camera dei Comuni per cui si è formato un governo di coalizione tra i conservatori e i liberaldemocratici che tendono verso il centrosinistra.

Le elezioni amministrative di alcune settimane fa hanno punito i partiti di governo e, salvo sorprese, dopo il prossimo rinnovo della Camera dei Comuni David Cameron dovrà lasciare il governo ai laburisti per dedicarsi a tempo pieno a lussuose vacanze libero dal dovere plebeo di raccogliere consenso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...