Troppi laureati ? Non proprio…

Dopo la discutibile difesa d’ufficio della spendibilità della laurea sul mercato del lavoro (https://italianspread.wordpress.com/2012/03/06/la-favola-della-laurea-che-vale-ancora/), Almalaurea riesce stavolta effettivamente a sfatare alcuni luoghi comuni sull’Università, la vituperata Università di massa che sarebbe stata introdotta dopo il ’68.

Tanto per cominciare, le iscrizioni: solo un diplomato su tre si iscrive all’Università. E la statistica non conteggia chi non ha nemmeno i requisiti per iscriversi perché dopo le scuole medie sceglie un corso professionale triennale (e ce ne sono).

Negli ultimi otto anni, le immatricolazioni sono ulteriormente calate del quindici per cento.

L’Italia non è un Paese per laureati, e finora avevamo dato la colpa alla scarsa qualità della formazione universitaria. A questo punto, però, si impongono due considerazioni.

La prima. Se è così difficile attirare matricole, è naturale che gli Atenei vengano un po’ troppo incontro agli iscritti, proponendo corsi troppo facili o troppo futili.

La seconda. Forse, molto più semplicemente, l’Italia non è un Paese per laureati perché non è un Paese di laureati.

Annunci

Un pensiero su “Troppi laureati ? Non proprio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...