La suora spagnola che sottraeva i neonati ai genitori comunisti o immorali

Si fa strada l’ipotesi che esistesse in Spagna un’organizzazione per sottrarre i neonati a genitori “indesiderabili” per affidarli a famiglie “virtuose”. L’organizzazione avrebbe preso forma durante la guerra civile degli anni ’30 fra Governo e forze armate, prosperando sotto il regime fascista instaurato dopo la vittoria delle seconde e sopravvivendo per qualche decennio alla sua caduta negli anni ’70.

Sostanzialmente, l’organizzazione operava sottraendo i neonati nati da genitori con tendenze di sinistra, o giudicati immorali, e affidandoli a famiglie conservatrici.

L’esistenza dell’organizzazione è stata messa in luce da un processo in corso che vede imputata una suora ottantenne, Suor Maria Gomez Valbuena, che in passato era stata in servizio nel reparto maternità del Policlinico universitario “Santa Cristina” di Madrid.

La suora è accusata di aver sottratto una neonata data alla luce da una ragazza madre di nome Maria Luisa Torres Romero, rea di aver concepito la bambina senza essere sposata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...