Siluro del PDL al Governo Monti e al PD

Tanto di nota ufficiale, adottata e resa pubblica dopo una riunione dei responsabili del partito. Il PDL parla chiaro, la riforma Fornero del diritto del lavoro, nel suo testo attuale, non va bene.

Perché ? Troppa rigidità in entrata. Leggi: troppo difficile assumere con contratti atipici. Del resto, il Governo lo aveva detto, uno degli obiettivi della riforma era ridurre l’area del precariato, operando una stretta sui rapporti di lavoro atipici: contratto a tempo determinato, contratto a progetto e collaborazione a partita IVA, solo per citare i principali.

Confindustria all’inizio si era limitata a mugugnare, ma poi è esplosa quando il Governo, su pressione di CGIL e PD, ha diminuito la flessibilità in uscita (leggi: licenziamenti e articolo 18).

Nonostante le spaccature nella corporazione degli industriali, il PDL ha evidentemente deciso di muoversi. Se sia per offrire protezione al suo elettorato o per mettere in imbarazzo Governo e PD, non è dato saperlo.

In ogni caso, questo secondo obiettivo è raggiunto. Depurata dagli interventi sulla flessibilità in entrata (già scarsi come esposto in un nostro precedente articolo), la riforma Fornero rischia di essere ricordata solo per lo smantellamento dell’articolo 18. Risultato inaccettabile per il Governo, ma ancor di più per il Partito democratico, che si sente il fiato della CGIL e della FIOM sul collo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...