La Santa Sede e i Paesi anglosassoni

La Santa Sede ha avviato una forte campagna rivolta a Stati Uniti e Gran Bretagna per scongiurare o arginare la legalizzazione dei matrimoni omosessuali, già compiuta da alcuni Stati americani e allo studio in Gran Bretagna. In entrambi i casi sono scesi in campo i massimi Arcivescovi delle Chiese nazionali. A quelli americani, il mandato a intervenire è stato conferito da Papa Benedetto XVI in persona. Quelli britannici hanno ordinato a tutti i parroci di leggere una loro lettera ai fedeli.

E’ curioso che, proprio nei due massimi Paesi anglosassoni, la Santa Sede si contrapponga oggi alle istanze di una minoranza riconosciuta come potenziale vittima di discriminazione e meritevole di tutela. In passato, infatti, è stata proprio la Chiesa cattolica ad assumere tale veste nel mondo di lingua inglese.

In Gran Bretagna, dopo la Riforma del 1558 essere cattolici poteva costare letteralmente la testa. Anche quando le persecuzioni cessarono, i cattolici rimasero a lungo cittadini di serie B, tanto che dal 1778 in poi il Parlamento di Westminster approvò una serie di leggi in favore dei cattolici (Catholic Relief Acts), rimuovendo gradatamente le norme discriminatorie a loro carico. Ancora oggi, peraltro, la Gran Bretagna non può avere un Sovrano cattolico.

Gli Stati Uniti, invece, hanno sempre protetto la libertà religiosa, ma fino a pochi decenni fa, e in buona parte ancora oggi, si diceva che per raggiungere i vertici sociali in America bisognava essere WASP: White, Anglo-Saxon and Protestant. Quando John F. Kennedy, cattolico di origini irlandesi, si candidò alla Presidenza, i suoi oppositori dissero che in caso di sua vittoria la Casa Bianca sarebbe diventata subordinata al Vaticano.

Annunci

Un pensiero su “La Santa Sede e i Paesi anglosassoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...