Il Pakistan processa per tradimento un suo cittadino coinvolto nella morte di Osama bin Laden

Per l’americano medio, la morte dello Sceicco Osama bin Laden non ha prezzo. Eppure, essa è costata cara in termini di relazioni fra Stati Uniti e Pakistan.

Un ottimo termometro delle possibilità di ricucire la fragile alleanza fra Washington e Islamabad è il trattamento riservato al Dott. Shikal Afridi, un medico pakistano reclutato della CIA nell’ambito dell’operazione che portò alla morte dello Sceicco.

Secondo indiscrezioni Afridi, col pretesto di una campagna di vaccinazioni governativa, doveva avvicinare gli occupanti dello stabile in cui si sospettava fosse nascosto le Sceicco e ottenere dei campioni di DNA.

Comunque sia, all’indomani dell’operazione americana Afridi è stato arrestato dalle Autorità pakistane. Ora, la Commissione d’inchiesta istituita da Islamabad sulla morte dello Sceicco ne ha raccomandato il rinvio a giudizio per alto tradimento. Il reato, previsto dalla Costituzione pakistana e da un’apposita legge del 1973, prevede solo due pene possibili: l’ergastolo o la morte.

In difesa di Afridi è sceso in campo personalmente il ministro della Difesa americano, Leon Panetta.

Ora, al Pakistan la prossima mossa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...