Sempre piu’ europea la politica americana

Rispetto all’Europa continentale, la politica americana è sempre stata un unicum, sostanzialmente esente dalla dicotomia destra-sinistra. Essa è quasi completamente monopolizzata da due grandi partiti politici, quello repubblicano e quello democratico. Ora, per quanto il Partito democratico sia considerato piu’ progressista rispetto a quello repubblicano, sarebbe arduo considerarlo di sinistra. Negli Stati Uniti, la sinistra tende a essere posta al di fuori dell’agone politico, e associata all’antisocialità o addirittura all’illegalità: è ancora in vigore una legge federale del 1954 che vieta la costituzione di Partiti comunisti negli Stati Uniti.

A metà strada fra Stati Uniti ed Europa continentale si colloca la Gran Bretagna il cui Partito laburista, pur non essendo assimilabile alle formazioni di sinistra continentali, ha (o aveva) effettivamente un’anima sociale e redistributiva.

Con l’elezione di Barack Obama, lo scenario politico americano si è allontanato progressivamente dal modello anglosassone da cui derivava, basato su una competizione politica piu’ tecnica che ideologica, in cui si dava per scontato che tutte le fazioni politiche mainstream tendessero a una nozione piu’ o meno comune di bene nazionale, e si discuteva sulla via migliore per raggiungere tale bene.

Oggi lo scontro fra Casa Bianca e Partito repubblicano è sempre piu’ ideologico, aspro, personale. Lo evidenziano non solo i toni, ma anche i contenuti utilizzati. Si delineano due visioni diverse della società e dell’economia: progressista, inclusiva e redistributiva quella della Casa Bianca; tradizionalista, liberista e meritocratica quella del Partito repubblicano.

Ma questo cambiamento va davvero oltre i toni toccando i contenuti, o è solo quello che noi italiani chiameremmo un “teatrino della politica” ? Ricordando le promesse fatte dal Presidente in carica (riformare la sanità pubblica, chiudere Guantanamo) e non mantenute, si sarebbe tentati di propendere per la seconda ipotesi. Una risposta definitiva, però, si potrà avere solo dopo un’eventuale rielezione di Barack Obama. E’ risaputo che, durante il secondo e ultimo mandato, il Presidente si sente le mani molto piu’ libere. Se Obama verrà eletto potrà passare dalle parole ai fatti, sempre che lo voglia.

 

Annunci

Un pensiero su “Sempre piu’ europea la politica americana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...