Grecia, e se fosse tutto inutile ?

La Grecia non è ancora fallita. Almeno ufficialmente. Almeno per il momento. Per conseguire questo magro risultato, il Paese ha compiuto sacrifici immani. Tagli agli stipendi, tagli alle tredicesime, tagli allo stato sociale, imposte straordinarie. Sui media soprattutto stranieri si leggono storie raccapriccianti di bambini affetti da malnutrizione o abbandonati dai genitori indigenti.

Un simile massacro sociale sarebbe difficile da giustificare sul piano etico anche se offrisse alla Grecia la definitiva salvezza finanziaria. Così non è. Il piano di salvataggio del Paese concepito a Bruxelles e a Washington, per funzionare, presuppone che i creditori privati della Grecia rinuncino a parte delle loro spettanze (il famoso “haircut”). Si è deciso che questa rinuncia non sarà imposta per legge dagli Stati, ma dovrà avvenire su base volontaria. Sono pertanto stati intavolati negoziati che, secondo le indiscrezioni filtrate, non stanno andando bene. Se non ci sarà un improvviso colpo d’ala, tutti i sacrifici fatti dalla Grecia saranno inutili.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...