L’Europa non sia l’agnello sacrificale

In vista della campagna per le presidenziali, la Casa Bianca sta diffondendo a tambur battente gli ultimi dati sul mercato del lavoro americano, positivi oltre le previsioni degli analisti. Il rischio ora è che si accrediti la tesi secondo cui malato non è l’Occidente, ma la sola Europa: la vecchia decadente Europa, eterna zavorra degli Stati Uniti.

Si rischia così di dimenticare che l’attuale crisi è nata a Wall Street nel 2008. Se ora sembra essersi trasferita da questa parte dell’Atlantico, è perché i mercati finanziari internazionali vogliono uscire dal pantano in cui sono finiti pretendendo di riportare le lancette dell’orologio indietro, e le società a un modello di convivenza ottocentesco. Niente limiti all’iniziativa economica privata, niente spese per il sociale, imposizione fiscale minima. Per questo sono stati attaccati i debiti sovrani costringendo i Governi a tagli drastici sui salari, la sanità e i servizi sociali: un copione che si sta mettendo in scena in Grecia.

In un contesto del genere, i mercati tendono a dare tregua agli Stati Uniti, tutto sommato accondiscendenti ai loro desideri dopo gli sgravi fiscali dell’Amministrazione Bush e l’affossamento della riforma sanitaria dell’Amministrazione Obama.

In tal modo l’Europa, isolata, rischia di soccombere. Eppure deve difendersi, con le unghie e con i denti. Perché quello dei mercati è un tentativo non solo immorale, ma anche illusorio: le lancette dell’orologio non tornano mai indietro. Inoltre, percorrendo la strada da essi indicata si riduce la convivenza civile a mera legge della giungla. Ma nella giungla non c’è legge né ordine, e dove non c’è legge e ordine non c’è commercio né mercato.

Annunci

2 pensieri su “L’Europa non sia l’agnello sacrificale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...