L’anoressia delle ballerine classiche

Il film “Il cigno nero” del 2010, di Darren Aronofsky con Natalie Portman, Mila Kunis e Vincent Cassel, era stato criticato per aver alluso ai disturbi alimentari delle ballerine classiche, diffamando questa disciplina. Evidentemente, però, del tutto campata per aria l’indiscrezione non era.

Proprio ieri l’Observer (edizione domenicale del Guardian) ha pubblicato un’intervista all’étoile italiana Mariafrancesca Garritano (http://www.marygarret.com/), della Scala di Milano.

La Garritano, autrice del libro “La verità, vi prego, sulla danza !” (Italia Press, 2010) ha denunciato la diffusione di anoressia e bulimia fra le sue colleghe. La stessa Garritano, da giovane, è stata tormentata dai suoi istruttori in quanto troppo grassa, e ha seguito per un periodo un regime dietetico così ferreo che le si era interrotto il ciclo mestruale. A lei è andata bene, ma altre sue colleghe sono finite ad alimentarsi con il sondino, o in terapia psichiatrica. Il tasso di fertilità fra le ballerine, secondo la Garritano, è bassissimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...